.
Annunci online

Tout vient à point à celui que sait attendre
love this song
post pubblicato in Diario, il 3 dicembre 2011


i'm alright, it's just tonight
i can't play the part
i'm alright, it's alright
it's just a broken heart
don't have eyes for the world outside
they're closed and turned within
trying to find the light inside
it's lit, but growing dim
i'm alright, it's just tonight

i can't play the part
i'm alright, it's alright
                                                               it's just a broken heart


dichiaro
volontariato in atto
cuore infranto ma ormai mi stupirei del contrario
accettazione di varie perdite materiali e non.purtroppo.
necessità di allargare gli interessi e le conoscenze.

un saluto.



permalink | inviato da signorinamargherita il 3/12/2011 alle 16:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
08 luglio 2013 ore 23:45 [osteria ruga]
post pubblicato in Diario, il 9 luglio 2011


La strana intimità di quelle due rotaie.
La certezza di non incontrarsi mai.
L'ostinazione con cui continuano a corrersi di fianco.
(A. Baricco)

M.F.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. save the date

permalink | inviato da signorinamargherita il 9/7/2011 alle 15:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
l'amore immenso
post pubblicato in Diario, il 28 febbraio 2011


il naturale percorso delle cose...e vorrei capire,spiegarmi,trovare naturale veramente questo percorso delle cose.

piano piano se ne andrà lui come gli altri,e con loro piano piano se ne va in dissolvenza una parte della mia vita,quella che non mi ha mai dato niente di male ma solo sorrisi e attenzioni.

Ho avuto torte diverse per ogni compleanno,ho avuto bici,bambole,figurine,ho avuto sempre tutto quello che volevo in qualsiasi momento,ho avuto tutto anche quando davo poco.Ho avuto voi che voleva dire avere tutto.

Ma stavolta voglio esserci,stavolta non me l'aspettavo proprio.

Nino il mio silenzioso e rugoso Marcello Mastroianni,il mio fumatore vittima dei miei sequestri di tabacchi

Nori quella per cui non avrò mai parole abbastanza per ricambiare l'amore che vedevo nei suoi occhi per me

Oscar il mio panettiere,il mio ciclista instancabile mangiatore di scatolette di tonno, il finto distante..

al momento non trovo niente di peggiore dell'aver perfettamente presente ciò che sta accadendo al proprio corpo,alla propria vita,al proprio mondo.dell'aver di fronte una strada.corta.cortissima.

Cosa c'è di peggio del non aver tempo.

Cosa c'è di peggio dello stare a guardare senza poter fare niente.



noi saremo qui.io sarò qui.




permalink | inviato da signorinamargherita il 28/2/2011 alle 22:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
devo ricordarmi
post pubblicato in Diario, il 10 novembre 2010


di farmi giurare dall'amato
(quale non so)
che non avremo
mai
pranzi e cene accompagnati da
tristi e imbarazzanti
silenzi.



permalink | inviato da signorinamargherita il 10/11/2010 alle 22:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
lovely song
post pubblicato in Diario, il 5 luglio 2010


http://www.youtube.com/watch?v=nibiavizfrU&feature=related


ma dove siete tutti?
non è più come prima.mi intristisce.

beh,vabeh.
Love!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. me and no one!

permalink | inviato da signorinamargherita il 5/7/2010 alle 12:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
and they are all yellow
post pubblicato in Diario, il 1 settembre 2009


 


Look at the stars
look how they shine for you
and all the things that you do


non capisco perchè a volte siano necessarie determinate esperienze che scoprire cosa c'è nelle zone più recondite della mente.
io l'ho scoperto ad un concerto.

son cose..






permalink | inviato da signorinamargherita il 1/9/2009 alle 15:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
1,2,3 prova prova
post pubblicato in Diario, il 27 agosto 2009


il blog ha deciso per me.non riesco a scrivere nulla perchè non pubblica nulla di ciò che scrivo.
chiaro il concetto?



permalink | inviato da signorinamargherita il 27/8/2009 alle 14:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
ma fate quello che vi pare.io vivo lo stesso.
post pubblicato in Diario, il 4 novembre 2008


Qualche giorno è molto meglio
qualche giorno non mi sbaglio
vedo chiaramente quel che c’è
le colline, le vetrine
la mia stanza da imbiancare
questa faccia che va bene già com’è
guardo in faccia il sole
fino a lacrimare
fino a che si vedrà
chi per primo abbassa gli occhi.
Le mie amiche sono amare
se si parla un po’ d’amore
tanto ognuna sa comunque
quel che sa.
Io posso dire la mia sugli uomini
qualcuno l’ho conosciuto
qualcuno mi è solo sembrato
qualcuno l’ho proprio sbagliato
e qualcuno lo sbaglierò
ma posso dire la mia sugli uomini
davanti a una tazza di latte
con una coperta di troppo
appena finisce la notte
qualcosa mi inventerò.
Qualche giorno è proprio meglio
ogni minimo dettaglio
sento chiaremnte quel che c’è
le risate, le sirene,
le sorprese di un aprile
questo cuore che va bene già com’è
.....



sono appena stata volontariamente nel blog di una persona con cui credevo sarei stata davvero a lungo, che poi invece mi ha fatto star male sia durante che dopo,una persona a cui pensavo anche senza volerlo ogni santo giorno. poi ho scoperto che si è sposato nel giro di due mesi poco più e da quel giorno il pensiero è sparito. vado molto fiera di questo mio potere nascosto.fosse uscito prima magari..

questa canzone l'ha scritta ligabue per la mannoia.
il pezzo che ho preso (metà direi) è perfetto per quello che volevo dire; non che sia così navigata sugli uomini,anzi,sono certa che quando parliamo di persone non si sappia o non si sia detto mai abbastanza. c'è sempre l'eccezione,la sorpresa,lo schifo,l'eccesso.c'è tutto.
voglio dare conferma a quell'amica che l'altra sera mi ha detto "ma sai che io credo di star proprio bene così?". io ho smesso, per ora!, di aver paura di perdere qualcosa o qualcuno. e ho deciso che se accadrà sarà solo perchè le cose dovevano andare così.ho smesso di farmi castelli in aria, di crearmi aspettative e di marcire nella delusione. non ho voluto vedere quello che non c'era ma ho sempre vissuto nella convinzione che le cose potessere cambiare e migliorare.e poi non è stato così.sono stata pure trattata a pesci in faccia sempre per quella convinzione.col senno di poi ho visto tutto più chiaramente e soprattutto ho visto che non ne sarebbe valsa la pena.
e che gioia! 

con questo mi sono tolta una cosa che dovevo dire.ecco.

CIAO...che fate?
post pubblicato in Diario, il 31 ottobre 2008


non so, ho come la vaga impressione che se tutto il mondo accende il computer è soltanto per facebook, e per facebookarsi i fatti degli altri.minimo!
io, per quanto mi riguarda non ho molto da dire.non accade niente da essere degno di nota,magari. ancora non so se andrò a roma, certo che finchè non troverò uno straccio di lavoro per riempirmi almeno mezza giornata il passo sarà difficile.e così..roma sembra sempre più lontana come altri progetti del resto. tutto sembra impossibile dal momento in cui ho deciso che ogni cosa che farò sarà con il sostentamento fornito da me medesima..e non cambio idea.
anche se....
vabe un passo alla volta.il problema è che m'inciampo su tutto.ebete!
ma voi?che amarezza

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pinocchio's addicted

permalink | inviato da signorinamargherita il 31/10/2008 alle 13:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
There are no holes in his shoes but a big hole in his world...
post pubblicato in Diario, il 19 settembre 2008


settembre è stato,è,un pò così..frenetico, impegnativo, stancante, soddisfacente ma anche carico di delusione.
vorrei trovarmi in un posto diverso,pensavo sarebbe passata questa fase alquanto adolescenziale,invece è tornata più forte di prima ovviamente rafforzata dalla situazione di odio-amore casalinga.
c'è poco da fare, io sono abituata a vivere da sola.sono indipendente come i gatti.

volevo trovare la canzone di ermanno giove che accompagna i titoli di coda di "Un giorno perfetto"ma non ci sono riuscita.
se voi ci riuscite fatemelo sapere e ve la ruberò volentieri.


di quelli che ti difendono da se stessi anche se è una delle POCHE volte in cui non pensi proprio a NIENTE!
post pubblicato in Diario, il 27 agosto 2008


Prendiamo un tipo che conosciamo già da tre anni e che avremo sentito si e no una decina di volte

Mettiamo che nell'ultimo mese le cose si siano evolute tanto da farci incontrare con lui una volta giusto per rinfrescare i ricordi e per eventuali aggiornamenti..

Mettiamo che poi ci sia stato un secondo incontro a distanza di due settimane composto da una serie di "drinks" ecc...

Nota importante: dobbiamo precisare che vediamo lontano 8km che il tipo in questione non avrà una storia da si e no un lustro (!!), ha difficoltà a sostenere il nostro sguardo se il discorso si fa minimanente serio, ride come un ragazzino e preso forse dal panico se ne va. Letteralmente se ne va da casa nostra suscitando grandissimo divertimento misto "SONO BASITA".

Insomma, in tutto questo studio poco approfondito ma palese è ovvio che cerchiamo di non sembrare proiettate al futuro per non far si che scappi di nuovo, controlliamo gesti/parole per non far passi falsi soprattutto dopo la nostra deliziosa e recente storia passata dove siamo state lasciate via etere..

bene,in tutto questo nostro accorgimento cosa può succederci se non che il tipo in questione, lui quello debole dei due,si svegli e si prenda la briga di difenderci da se stesso dicendo che non vuole farci illudere o prenderci in giro dato che non si sente pronto per una storia?!!

una storia?
pronto?
con chi parlo?eh?

pur senza fare nulla siamo state fraintese.
unico commento rimasto è: "MA CHI TE MANNA????"




permalink | inviato da signorinamargherita il 27/8/2008 alle 11:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
questa canzone mi calma
post pubblicato in Diario, il 9 luglio 2008


Ha senso scrivere, star qui a fare il tentativo di liberarsi di un peso..se poi il peso te lo senti addosso ogni giorno lo stesso?ha senso stare così? O meglio ha senso stare in un modo che non rientra in nessuno stato d’animo classificabile? Se non è classificabile significa che non è ben inquadrato, non è studiabile. Io non lo voglio uno stato d’animo che non rientra in una categoria.non voglio “non stare”.
Il tempo non fa nulla, il tempo mi da fastidio, mi allontanerà da questo non stato che è ormai l’unica cosa che mi ricorda te+me. Ecco.il punto è proprio questo, l’ ho detto, sono capacissima di dirlo ma nella mia mente bacata è come se lasciassi uno spiraglio ad un’altra possibilità, lontana, la più remota che possa esistere, ma io lo lascio.
Non so perché e non riesco proprio a fare diversamente.
E non mi piace, quante cose non mi piacciono però, beh non mi piace sentirmi scoperta, ma soprattutto scoperta e debole agli occhi degli altri. Non ho nessun dolore struggente, non ho nessun problema esistenziale ho solo l’ostinazione di voler vedere oltre e di essere certa di averci visto qualcosa. E sarà per questo allora. Già.
Adesso cambia,no?
Mi sento piccola quando se ne esce la mia abitudine di sentirmi particolarmente sola, ma sola da piangere, quando è il momento meno adatto. Il giorno in cui mi hanno fatto due cicli di prelievi, in attesa, tra l’uno e l’altro, stesa sul lettino io ho pianto. Della serie chi ha la piaga ci mette pure il suo di dito.
Lunedì scorso sono caduta e lo racconto a tutti ridendo. Ma quei 5 minuti fra me e due tipi di pianto uniti in un caos totale me li ricorderò per un bel po’.
Non interpretare i miei pensieri che compaiono ogni tanto come uno stare in balia di, in attesa di. È solo un modo per cercare di mettere prima una virgola, poi verrà il punto.
Forse era il caso di avere un chiarimento vero e proprio, se avessi saputo che sarebbe servito ad evitarmi questa fase lo avrei fatto. Non ero pronta per arrangiarmi a farmene una ragione da sola, non ero pronta a darmi addirittura una spiegazione da sola. Eppure ho voluto fingere che fosse così.
Brava.
Grazie.
E prego
.




permalink | inviato da signorinamargherita il 9/7/2008 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
Sospesa
post pubblicato in Diario, il 19 giugno 2008


perchè non riesco a fermare niente. Utile ma non indispensabile.
Una corsa sul tapis roulant forse sarebbe più produttiva, almeno per la salute.
invece io corro, molto probabilmente a caso, resto sempre nello stesso posto e mi resta solo la fatica di averci provato.di essermi illusa che mi sarei potuta spostare di mezzo metro. anche solo per un colpo di fortuna.
Mi siedo. perchè sono stufa morta. di fare e non vedere risultati.se effettivamente qualcosa ho dato, questi arriveranno. altrimenti no. rendersi ridicoli perfino a se stessi è cosa evitabile.
tutti ci promettiamo di imparare dai fallimenti passati, di non ripetere, di non fare e di non dire.
Non era il mio turno. sarà quello di un'altra.
Devo fare amicizia con quest'idea.
o forse no?
non c'è una risposta certa. l'unica certezza è che quell'idea che deve diventarmi amica per ora può direttamente andarsene a fanculo.




permalink | inviato da signorinamargherita il 19/6/2008 alle 13:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
You talk, you talk a good game
post pubblicato in Diario, il 20 maggio 2008


 
Dacci oggi la nostra dose di carica quotidiana
e di pazienza.
e chiarezza.
e felicità.

si insomma.fa un miracolo va.




permalink | inviato da signorinamargherita il 20/5/2008 alle 14:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
giorni troppo lunghi
post pubblicato in Diario, il 8 maggio 2008


Non è insopportabile.
Non era tante cose, forse non era niente.o ci si avvicinava molto.
E' stato tutto all'insegna del "non te l'aspettavi proprio" all'inizio ed è così anche alla fine.
ma in quel non te l'aspettavi c'è la scomodità del tuo sesto senso. ma come ci si può fidare di una sensazione?perchè arrancare se in fondo non c'è garanzia di farlo?
Avevi ragione ma poco importa adesso.
Il pensiero corre verso qualcuno che forse dal pensiero di te non è minimamente sfiorato.ti piace immaginarlo di fronte ad uno specchio con il coraggio di parlare con se stesso, l'unica persona con cui forse riesce ad essere sincero. ti piacerebbe che il passo successivo fosse quello di sedersi al tavolo e cominciare finalmente a risistemare i pezzi di quel famoso puzzle che ha lasciato inconcluso nel caos da mesi.
non hai mai avuto la pretesa che lo facesse con te perchè in fondo l'hai sempre saputo che in quel coso ci mancava e ci manca ancora un pezzo e non sei tu la persona che lo ritroverà, ogni puzzle in fondo è una cosa privata e i pezzi mancanti finiscono in certa polvere, in certi posti scomodi che andarci in due sarebbe sicuramente più rassicurante ma non darebbe la cosa che veramente serve a chi deve completare il tutto, il coraggio.
bella cosa.ad averne.
negli ultimi tempi hai sentito parole e visto gesti, sorrisi e sguardi nei quali non hai creduto facilmente e nonostante tutto hai cominciato a vedere un pò più in là anche se le sensazioni non erano delle migliori, anche se prima o poi qualcosa doveva succedere.ed è successa.
ci pensi spesso ma non ci pensi sempre, non ti disperi e mai lo farai, ed è già qualcosa.
non era cosa tua nemmeno per quella metà, non era sempre con te nemmeno quando era proprio lì, vicino.stavi bene pur sapendo che non era "quel"bene.le tue priorità sono ed erano tranquillità e chiarezza, sii sincera, erano delle comparse.è una delle rarissime volte in cui non hai conosciuto rimorsi.
elogia ancora te stessa e ciò che hai fatto o detto.elogiati ancora finchè sai che servirà a coprire la realtà dove ti sei ritrovata,la stessa che era tua e che scopri non esserlo stata mai.abitata da pensieri che poco hanno a che fare con te.e la chiamano sincerità confondendola con la cattiveria gratuita.
fa niente.
penso che avresti diritto di spargerne a palate di cattiveria e penso che non farlo sia il segno di come, in fondo, tu sia in balia della nuova sensazione che ti accompagna in questi giorni.
del senno di poi son piene le fosse.
ci saranno ancora vecchi pianti e vecchie tristezze finchè un giorno avrà bisogno di smetterla, chiudere la scatola con tutto ciò che contiene e metterla via, chissà se a tue spese ha finalmente imparato che il coraggio a volte è anche rispetto,chissà quanto era vero e quanto invece non lo era, chissà quanto saranno diverse da te le altre persone che incontrerà, a cui si legherà, chissà se il tuo pensiero ogni tanto lo accompagna e lo accompagnerà.
chissà per quanto ancora penserai ad un nuovo inizio, a nuovi ponti e nuove mattonelle, ma soprattutto chissà per quanto ancora ti sembrerà la cosa giusta da fare.

Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro,
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato
per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. E' festa: la tua vita è in tavola.
Amore dopo Amore (Derek Walcott)
tutto tace
post pubblicato in Diario, il 24 aprile 2008


certi silenzi fanno un rumore assordante
e un male cane.

quanti inviti respinti
quante parole non dette
quanti sguardi non ricambiati
tante volte la vita ci passa accanto
e noi non ce ne accorgiamo nemmeno


senza rimorsi.




permalink | inviato da signorinamargherita il 24/4/2008 alle 13:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
bau
post pubblicato in Diario, il 25 marzo 2008


Oggi non sono ancora entrata in bagno, non ho lavato la faccia, non mi sono ancora guardata allo specchio e non ho fatto i conti con quello che ci troverò. Non mi va perchè la risposta non ce l'ho, o perchè non mi va di vederci quello che c'è.
Non aver cantato in macchina stamattina, non aver avuto le risposte, l'abbraccio che volevo, anzi, e avere la lacrima facile sono segnali che non richiamano propriamente il mio stato d'animo di tranquillità. Ma mi sento così.
Per questo a volte ho paura di essere una bomba ad orologeria, di essere ad un passo dall'esplodere..ma
se ci penso mi accorgo di essere cambiata anche se tu non lo sai, anche se non te ne accorgi. Ho imparato a camminare sulle uova, ad entrare in punta di piedi nelle vite degli altri convincendomi di riuscirci perchè "non sai proprio un cazzo delle vite degli altri", perchè tutti abbiamo una miriade di cicatrici nascoste che ci guardiamo ogni santo giorno che ci ricordano quello che è stato, quello che abbiamo subìto e che ci fanno ripromettere che non ci sarà il bis. Non con te.
Se ci penso mi accorgo di quanto siano vere quelle frasi fatte che parlano degli attimi, delle situazioni irripetibili, delle persone che passano una sola volta e non torneranno più. È più facile accettare un si ad un no,  avere solo quello che ci piace e rifiutare quello che stona,  è più bello avere cose perfette. A lungo andare la perfezione mi sembra solo noiosa armonia, a
mo la complicità proprio perchè non cresce sugli alberi ma perchè  si crea insieme dopo incontri di affinità e dopo gli scontri delle diversità..a volte è faticoso ma la soddisfazione poi ripaga. Sempre.
Se ci penso, se mi guardo da fuori mi vedo in bilico nel "caos calmo" ma vedo che sono lo stesso in grado di sorriderti e di tenderti la mano, non ho paura di passare per strade mai viste o di fare cose mai fatte, ho solo paura di essere fraintesa.

Se penso che scrivendo ste cazzate sto piangendo mi vien da ridere.
E non smetterò.

 




permalink | inviato da signorinamargherita il 25/3/2008 alle 14:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
VOTA KETTY METTY
post pubblicato in Diario, il 21 marzo 2008


16-21 aprile ci sono i mobili a Milano.
Il 18 i Bau. Anche da sola se capita.
JC ha messo le poesie nei jeans.
Ma non c'è un programma internet di riconoscimento vocale dove io canto una cosa simile alla canzone che cerco da un mese e lui me la ritrova?

"A pensar male si fa peccato, ma molto spesso ci si azzecca"
ma quanto sono sarcastica??!!

ah,vota
kettymetty




permalink | inviato da signorinamargherita il 21/3/2008 alle 10:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
come si suol dire
post pubblicato in Diario, il 14 marzo 2008


Non ho voglia di svuotare il mare col secchio.



permalink | inviato da signorinamargherita il 14/3/2008 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
La cosa che già c’è adesso la voglio perché già c’è
post pubblicato in Diario, il 3 marzo 2008


Non sto correndo, non sto affrettando niente, sto semplicemente vivendo...
nonostante il mal di testa e lo strappo al collo, nonostante la strozzina (!) di mia madre e la tensione (tesi) di mio padre, nonostante la preoccupazione per i pensieri che potrebbero sempre affollare le menti altrui,nonostante la stanchezza di stare qui e la grande mancanza di Roma (strano)..
nonostante tutto a volte basta davvero poco
-forse basta già o basterà-







Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ovviamente niccolò ora e qui

permalink | inviato da signorinamargherita il 3/3/2008 alle 14:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio       
calendario
adv